Tutto quello da sapere sul colesterolo

Tutto quello da sapere sul colesterolo

Pubblicato il: 23/10/2019 Commenti: 0

Il colesterolo è una sostanza grassa dalla consistenza cerosa normalmente presente nel nostro sangue. Viene, infatti, prodotta per la maggior parte (circa l’80%) dal nostro stesso organismo, in particolare dal fegato, dato che è fondamentale per molte funzioni: è coinvolto nei processi di digestione in quanto molecola base per la sintesi dei sali biliari, partecipa alla produzione della vitamina D, favorisce la costruzione della parete delle cellule, è importante per la salute delle ossa, dei denti e del sistema immunitario, ed infine contribuisce alla formazione del cortisone e degli ormoni sessuali.

Essendo un grasso, il colesterolo non si scioglie nel sangue che è un liquido a base acquosa e, quindi, per essere trasportato nel flusso ematico a bisogno di legarsi a particolari sostanze, le lipoproteine, che possono essere: 

LDL (ovvero low density lipoprotein), anche dette “colesterolo cattivo”, con il compito di trasportare il colesterolo dal fegato ai tessuti ma che, se sono presenti in quantità eccessive, tendono a depositarsi nelle pareti delle arterie, causando la formazione delle cosiddette placche arteriosclerotiche che limitano il passaggio del sangue nelle arterie, fino a bloccarlo del tutto. 

HDL (ossia high density lipoprotein) anche dette “colesterolo buono”, con il compito inverso di riportare il colesterolo dai tessuti al fegato, agendo quasi come uno spazzino dei vasi sanguigni, liberandoli e permettendo al sangue di fluire normalmente. Quindi, a differenza delle LDL, alte quantità di lipoproteine HDL non sono negative ma, anzi, costituiscono un fattore positivo.

In linea generale, secondo le ultime linee guida della Società Europea di Cardiologia, i livelli di colesterolo LDL dovrebbero rimanere entro i 70-100 mg mentre quelli del colesterolo HDL dovrebbero essere superiori ai 40 mg. 

Più in generale, il colesterolo totale dovrebbe rientrare fra i 120 mg/dl e i 220 mg/dl, anche se già i valori compresi fra i 200 e i 220 mg/dl sono indice di pericolo e, pertanto, se i tuoi valori si attestano in questa fascia, è bene effettuare degli esami per poter, eventualmente, intervenire.

Inoltre, ultimamente si tiene anche molto conto dell’Indice di Rischio Cardiovascolare (IRC), ottenuto dal rapporto tra quello il colesterolo totale e quello buono, il cui valore, tendenzialmente, deve essere inferiore a 5 per gli uomini e a 4,5 per le donne.

Se si ipotizza di poter soffrire di colesterolo alto la prima cosa da fare è parlarne con il proprio medico e accertarsi dei propri valori mediante un semplice esame del sangue così, se i valori dovessero risultare oltre le soglie indicate, il medico potrà indicare il trattamento più idoneo da seguire, di norma a base di norme alimentari, implementazione dell’attività fisica e uso di specifici farmaci.

Hai dubbi o curiosità su questo argomento? Contattaci! Lo staff Farmasave è a tua disposizione!

Commenti

Scrivi commento